La ricerca scientifica sulla coltivazione e industrializzazione della canapa da fibra si è intensificata nell'ultimo decennio come conseguenza dell'interesse rivolto in generale alle colture non alimentari ed in particolare a coltivazioni che potessero fornire materie prime naturali, alternative a quelle sintetiche di origine petrolchimica.
La canapa rappresenta una coltura modello tra quelle non alimentari, perché non solo offre una valida alternativa alle colture alimentari eccedentarie, ma si presta ad una coltivazione biologica e comunque si inserisce bene nelle rotazioni colturali. E’ quindi, sotto ogni profilo, quello che si chiama una coltura eco- sostenibile La ricerca sulla canapa deve essere orientata ora prevalentemente a risolvere i problemi che ne limitano l'affermazione come coltura di largo interesse; principali sono:

  • disponibilità di varietà adatte a diverse condizioni agro-ambientali;
  • reperibilità delle sementi;
  • meccanizzazione della produzione agricola (raccolta ed imballaggio);
  • macerazione delle fibre, per ridurre la presenza di sostanze collanti e prepararle alla filatura
  • sperimentazione di nuove destinazioni commerciali per la fibra corta e per i sottoprodotti di lavorazione
  • garanzia di approvvigionamento costante all'industria di fibra di qualità elevata

Gruppo Fibranova sta lavorando per trovare soluzioni concrete che possano sviluppare tutta la filiera di produzione della canapa.

L'attività di ricerca di Gruppo Fibranova è incentrata prevalentemente sulla realizzazione di processi produttivi per fibra tessile di alta qualità. I dati delle nostre ricerche indicano che il valore aggiunto della produzione di fibre ad uso tessile, di gran lunga più elevato delle altre produzioni, contribuisce significativamente a sostenere l’economia dell’impresa di trasformazione della canapa e di altre piante da fibra. Naturalmente, in un contesto industriale di tipo occidentale e comunque tecnologicamente avanzato è indispensabile che il prodotto tessile, fibra, filati e tessuti, abbiano caratteristiche di qualità nettamente superiori a quelle ottenibili con i metodi tradizionali ed è necessario comunque che abbiano uno standard produttivo più omogeneo del comune.
Per ottenere risultati utili Fibranova si è applicata alla ricerca in settori strategici per la trasformazione delle fibre, a monte, nella produzione agricola e nell’innovazione del processo stesso di lavorazione

In particolare ci occupiamo dei tre settori chiave in cui mancano ancora soluzioni valide e sperimentate:

  • la meccanizzazione della raccolta in campo,
  • la meccanizzazione dei processi di decorticazione
  • ed infine la realizzazione dei processi di macerazione delle fibre


I progetti di ricerca

Dall’inizio della sua attività Fibranova ha partecipato attivamente a progetti di ricerca che le permettessero di sviluppare approcci innovativi ad una lavorazione di per sé antica.
Nell’anno 1999 il servizio Agrinnova della Regione Toscana ha finanziato un ricerca specifica su database e brevetti relativi agli apparati di raccolta, stigliatura e macerazione della canapa.
Negli anni 2000-2002 Fibranova ha preso parte al progetto promosso dal Ministero delle Politiche Agricole “Canapa per fibra tessile: dalla produzione alla utilizzazione - Prove ed analisi per la progettazione di un sistema integrato di decorticazione e macerazione delle fibre a livello industriale” in cui ha sperimentato l’utilizzo della canapa su sistemi e macchine di stigliatura da lino, producendo i primi quantitativi di fibra di canapa con cui ha poi effettuato le prove preliminari di macerazione. La fibra prodotta in questo modo è stata pettinata e valutata dalla Zignago tessile. Nello stesso progetto Fibranova ha effettuato, per conto dell’Istituto Sperimentale di Meccanizzazione Agricola (ISMA), ricerche e prove sulle macchine di raccolta della canapa, in Francia ed in Italia.
Nel 2003 ha promosso e coordinato il progetto TOSCANAPA

con cui ha realizzato un impianto pilota di macerazione delle fibre di canapa ad uso tessile. In questo impianto sperimentale vengono messi a punto i processi e le macchine con cui trattare le fibre per renderle idonee alle successive lavorazioni industriali, pettinatura, cardatura, filatura.

 

 

 

Le prove ed i test effettuati nel corso del 2003 ci consentono ora di trasferire il processo in una dimensione di più ampia scala, per la quale stiamo procedendo anche ad effettuare uno studio di fattibilità. Nello stesso progetto abbiamo anche effettuato prove e valutazioni per l’impiego dei sottoprodotti della stigliatura, canapulo, fibre cortissime, nella produzione di paste cartarie. Abbiamo verificato che la parte più legnosa, il canapulo, sempre in mescola con una certa quantità di fibre, può essere utilizzato con vantaggio nella produzione di carte kraft, mentre la parte più fibrosa troverebbe il suo impiego migliore nelle carte speciali, come la carta moneta.

E’stato inoltre realizzata una valutazione tecnico-economica della coltivazione della canapa alla luce dei dati più recenti e delle conoscenze acquisite con la sperimentazione ed infine un business plan in cui si valuta la convenienza economica, per gli agricoltori stessi, di realizzare una struttura di trasformazione del prodotto agricolo.

Nello stesso anno ha preso l’avvio un progetto di ricerca europeo, HEMP-SYS

di cui anche Fibranova è stata promotore attiva, che intende mettere a punto sistemi di coltivazione e trasformazione d'alta qualità. Il risultato atteso dal progetto sarà di mettere in grado gli operatori del settore, sia agricoli che industriali, di utilizzare strumenti oggettivi di valutazione della qualità dei propri prodotti e di integrarli in un sistema in cui la qualità è il risultato di scelte consapevoli e condivise. L’agricoltore di una determinata località potrà sapere così in anticipo quale varietà di canapa seminare, con quale tecnica, per quale destinazione produttiva e quindi a quale prezzo di mercato. Lo stigliatore ed il maceratore sapranno quale qualità di fibra avranno disponibile da lavorare ed a quale utilizzatore, industriale la potranno vendere, tessile, carta o compositi. L’utilizzatore finale potrà valorizzare i dati qualitativi dei passaggi produttivi precedenti e finalmente anche supportare una certificazione di processo che preveda la tracciabilità del prodotto.
In questi anni Fibranova ha scambiato dati, esperienze ed informazioni con numerosi istituti di ricerca pubblici e privati in Italia ed all’estero ed ha allacciato delle strette collaborazioni che permettono di essere costantemente informati dei più recenti risultati della ricerca e delle opportunità di sviluppo in tutto il mondo.

 
Azienda | Attività agricola | Attività industriale | La canapa | Ricerca | Link | News e Downloads | English
Copyright © 2001 - Gruppo Fibranova S.r.l. - info@gruppofibranova.it - crediti
Tel.: +39 0587 757080 - Mobile: +39 348 6020354 - Fax: +39 0587 757443
ricerca